Strict Standards: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/templates/as002034/params.php on line 11 Strict Standards: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/libraries/cms/application/site.php on line 272 Strict Standards: Non-static method JApplicationSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/templates/as002034/params.php on line 27 Strict Standards: Non-static method JApplicationCms::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /htdocs/public/www/libraries/cms/application/site.php on line 272

Nato, secondo la tradizione, il quarto giorno della quindicina crescente del mese di Bhadon (Agosto - Settembre) in Kashi (Benares) nella casa materna, durante uno dei lunghi ritiri di Shiva sul monte Kailash, la divinità Ganesha viene festeggiata in tutto il continenente indiano.

In particolare, la popolazione dello stato del Maharashtra, sotto l'impulso del tentativo di pacificazione fra le varie caste, sollecitato dallo studioso indù Lokamanya Tilak, ha fatto di Ganesha il patrono dei maharashtriani.
Ciascuna famiglia contribuisce alla costruzione dell'idolo, alla manutenzione del pandal - il baldacchino dove viene collocata la statua - ai compensi per il pandit - prete, letterato - che esegue i vari riti, ed ai costi della prasad, le offerte.
Un chowk - posto per la puja - viene allestito di fronte alla divinità e decorato con fiori e polveri colorate.
Due lampade ad olio vengono collocate ai lati dell'idolo ed un thali - vassoio di metallo - contenente Kunkuma e haldi (polvere di radice gialla) davanti. 

 


Questa prasad è facilmente reperibile vicino ai pandal, oppure nei negozi che vendono prodotti per la puja.L'installazione dell'idolo viene fatta tra canti di inni sanscriti ed offerte di mudhak - una particolare varietà di ladhu - palle di pasta dolce - e riso con haldi. 

 

Ricetta per il mudhak 

 

farina di riso 
acqua 
olio 
farina di cocco 
zucchero 
frutta secca 
latte

2 tazze 
4 tazze 
1 cucchiaino e mezzo 
2 tazze 
1 tazza 
4 cucchiai 
1/4 di tazza

Metodo

 

Far bollire l'acqua e l'olio e toglierli dal fuoco.
Aggiungere la farina di riso, coprire e lasciar raffreddare.
Togliere dal recipiente, impastare e lasciar da parte.

Mescolare il cocco grattuggiato, lo zucchero e la frutta secca.
Gettarli sulla padella ed aggiungere latte, mescolando bene (la pasta non deve essere liquida) - lasciare sul fuoco sino alla cottura.

Forgiare delle piccole palle con la pasta, fare un foro al centro e riempirlo con il ripieno precedentemente cotto. Richiudere, modellando una piccola punta in cima e con un coltello fare piccole scanalature in modo da far rassomigliare la palla ad una testa di aglio.
Collocarle all'interno di una garza e cuocerle a vapore per circa 10 minuti.
Conservare il mudhak in un contenitore ermetico.

Dopo una offerta simbolica alla divinità, il cibo può essere consumato.